Farmacie rurali. Ecco i dispositivi medici agevolati dal PNRR

farmacie rurali dispositivi medici agevolati con il pnrr

Rimborso fino a due terzi del costo unitario standard per ECG, spirometri, holter ECG e non solo. Le farmacie rurali possono acquistare o noleggiare tanti dispositivi…

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) elaborato dal Governo ha predisposto l’investimento di 15,63 miliardi di euro nel settore sanità, per lo più indicati nella Missione 6, dove si legge che:

“la pandemia ha reso ancora più evidenti alcuni aspetti critici di natura strutturale, che in prospettiva potrebbero essere aggravati dall’accresciuta domanda di cure derivante dalle tendenze demografiche, epidemiologiche e sociali in atto.”.

Tuttavia è in un’altra missione, la 5 “Coesione e inclusione” – interventi speciali per la coesione territoriale – che sono previste misure particolarmente interessanti per agevolare l’acquisto di dispositivi medici nelle farmacie rurali sussidiate ovvero quelle che si trovano nei paesi con meno di 3 mila abitanti, rimborsando i due terzi dell’investimento.

Ma procediamo con ordine.

Questa agevolazione prevede lo stanziamento di 100 milioni di euro a fondo perduto per favorire lo sviluppo di queste strutture e ricevere un contributo pari ai 2/3 dei costi totali di investimento (fino a un massimo di 44.260 euro).

Il bando, come detto, fa parte della sezione “Inclusione e Coesione” del piano e riguarda i cosiddetti “Interventi speciali per la coesione territoriale”.

Cosa sono le farmacie rurali

Secondo la normativa vigente, le farmacie rurali sono quelle ubicate in comuni, frazioni o centri abitati con popolazione inferiore a 3 mila abitanti. Stiamo parlando di oltre 6000 farmacie in tutta Italia che assicurano un servizio farmaceutico prezioso anche nelle zone rurali e nelle isole minori.

Infatti, le farmacie rurali, per la loro ubicazione in piccoli agglomerati, hanno un’importante funzione sociale, in quanto rappresentano spesso l’unico presidio sanitario esistente sul territorio, dove opera un professionista a disposizione degli utenti.

Proprio nelle realtà rurali in carenza delle strutture pubbliche, il cittadino trova nel farmacista il sanitario in grado di assicurargli senza ritardo non solo tutti i medicinali di cui ha necessità, ma anche gli eventuali interventi di prima assistenza.

Cosa prevede il bando PNRR per le farmacie rurali

In sostanza, il contributo finanziabile corrisponde ai due terzi (2/3) del costo standard riportato nel riepilogo, fino a concorrenza del massimale previsto di 44.260,00 euro.

Per partecipare al progetto, clicca QUI.

Questo contributo consentirà alle farmacie rurali di dotarsi di strumenti importanti e offrire nuovi servizi proprio come quelli di telemedicina.

In particolare, sono tre gli ambiti di intervento su cui opera il bando:

  • Ottimizzazione della dispensazione del farmaco: formazione sui farmaci innovativi, riorganizzazione e implementazione dell’area di dispensazione e dello stoccaggio, miglioramento del monitoraggio.

  • Partecipazione alla presa in carico del paziente cronico: formazione specialistica, dotazioni tecnologiche, informatiche e logistiche, teleconsulto.

  • Prestazione di servizi di primo e secondo livello: formazione, locazione o acquisto di dispositivi di telemedicina e analizzatori di sangue e urine.

I dispositivi medici che rientrano nel contributo

Vediamo nel dettaglio alcuni tra i dispositivi medici e/o gli interventi che rientrano in quelli oggetto del contributo. Tra questi ci sono:

Saturazione dell’ossigeno

Dispositivo professionale per la misurazione non invasiva saturazione percentuale di ossigeno con telerefertazione.

In questo caso le finalità riguardano ovviamente lo screening, la prevenzione e il monitoraggio dei pazienti con patologie respiratorie. Il costo standard per questo dispositivo è stimato in 294,25 euro quindi il contributo ammissibile dei ⅔ è di 196 euro mentre il numero massimo di dispositivi acquistabili è di 2 unità.

Pressione arteriosa

Registratore per il monitoraggio dinamico della pressione arteriosa. Si tratta di strumenti di telemedicina destinati alla prevenzione e al monitoraggio delle patologie cardiocircolatorie il cui costo standard è di 1.550 euro per un rimborso ammissibile fino a 1033 euro. Anche in questo caso, il numero massimo di dispositivi acquistabili è di 2 unità.

Spirometro

Per il monitoraggio delle patologie respiratorie, le farmacie potranno dotarsi di uno spirometro dal costo standard fino a 775,75 euro e con una quota rimborsabile di 504 euro

Elettrocardiografo

Anche gli elettrocardiografi rientrano tra i dispositivi acquistabili con questa particolare agevolazione. In questo caso si tratta ovviamente di dispositivi per la prevenzione e monitoraggio di patologie cardiache dal costo unitario standard di 1328 euro (a fronte di un rimborso di 886 euro per massimo un elettrocardiografo acquistabile.

tablet ecg lepu 12 derivazioni 10elettrodi

Elettrocardiogramma dinamico (holter ECG)

Dalla misurazione del tracciato ECG all’elettrocardiogramma dinamico per il quale il costo standard sale a 2.347 euro per un contributo rimborsabile fino a 1565 euro.

Noleggi

Non solo acquisti.  Anche i noleggi rientrano tra gli interventi finanziabili da questo capitolo del PNRR. Nello specifico si tratta sempre di noleggi triennali con assistenza di:

Missione 6: salute e SSN

Nella missione 6, invece, più strettamente legata al tema salute, gli obiettivi sono quelli di potenziare il SSN, allineando i servizi ai bisogni delle comunità e dei pazienti, anche alla luce delle criticità emerse durante l’emergenza pandemica.

  • Rafforzare le strutture e i servizi sanitari di prossimità e i servizi domiciliari
  • Sviluppare la telemedicina e a superare la frammentazione e la mancanza di omogeneità dei servizi
    sanitari offerti sul territorio.
  • Sviluppare soluzioni di telemedicina avanzate a sostegno dell’assistenza domiciliare

Per ulteriori informazioni: https://www.governo.it/sites/governo.it/files/PNRR.pdf