Come posizionare gli elettrodi di un holter cardiaco con una filastrocca

Nel tuo ospedale hanno appena acquistato un nuovo registratore e ti chiedi come posizionare gli elettrodi di un holter cardiaco a 5 cavi? Puoi applicare l’holter con l’aiuto di una filastrocca semplicissima:

“Il bianco in alto a destra. La neve sugli alberi, il fumo sopra il fuoco. La cioccolata vicino al cuore”

Come posizionare gli elettrodi di un holter cardiaco
Come posizionare gli elettrodi di un holter cardiaco

Una filastrocca americana che ha sempre aiutato i medici americani ad imparare come posizionare gli elettrodi di un holter cardiaco

Negli stati uniti per spiegare ai giovani medici ed al personale infermieristico come posizionare gli elettrodi di un holter cardiaco dinamico da anni insegnano una filastrocca:

“White in upper right. Snow over trees. Smoke over fire. Chocolate close to the heart”

E’ semplicissima da imparare ma aiuta i neofiti ad applicare l’ecg dinamico sulle 24 ore al meglio in modo da avere un tracciato perfetto, di facile lettura e semplice refertazione.

Trasforma gli oggetti in colori e avrai imparato come posizionare gli elettrodi di un holter

Imparare è semplicissimo, ti basterà associare all’oggetto il colore corrispondente dell’elettrodo del registratore holter, in questo modo:

“Il bianco in alto a destra. La neve sugli alberi”

Va da se che l’elettrodo bianco va posizionato in alto sul lato destro del paziente appena al di sotto della clavicola. Di conseguenza se la neve (elettrodo bianco) sta sopra agli alberi, quale elettrodo metteremo in basso a destra lungo il bordo inferiore della gabbia toracica? Esatto, l’elettrodo verde, gli alberi verdi appunto.

“Il fumo sopra il fuoco”

A quali elettrodi colorati corrisponderanno il fumo ed il fuoco? Ovviamente il fumo è scuro e quindi l’elettrodo corrispondente del nostro holter sarà quello nero. Cosa genera il fumo? Il fuoco, e di che colore è il fuoco? Rosso, quindi dove andrà l’elettrodo rosso? Sotto all’elettrodo nero.

Quindi, ricapitolando, posizioneremo l’elettrodo rosso come il fuoco all’altezza del bordo inferiore della gabbia toracica sul lato sinistro del nostro paziente e quello nero come il fumo che divampa dal fuoco all’altezza della clavicola sinistra.

“La cioccolata vicino al cuore”

Immaginate di essere in una baita e guardando fuori dalla finestra vedete solo alberi con le cime innevate ed un timido falò che emana una sottile striscia di fumo denso, cosa credete che possa scaldarvi e nello stesso tempo allietare la vostra giornata?

Credo che una cioccolata calda in tazza non sia una pessima idea vero? E mentre aspettate che si raffreddi un po’ per non ustionarvi la lingua posizionatela vicino allo sterno. Di che colore è la cioccolata? Marrone. Dove posizioneremo allora l’elettrodo marrone del cavo paziente del nostro holter? All’altezza del quarto spazio intercostale, leggermente spostato verso destra rispetto al bordo sternale.

Ricapitolando, “Il bianco in alto a destra. La neve sugli alberi, il fumo sopra il fuoco. La cioccolata vicino al cuore”, ci insegna a posizionare gli elettrodi del nostro holter attraverso un’immagine chiara e semplice. All’arrivo del vostro paziente vi basterà mettere l’elettrodo bianco in alto sulla destra, il verde sotto, il rosso all’estremità opposta ed il nero sopra di esso. Il marrone al centro ed il “gioco” è fatto.

E se il cavo paziente del mio holter non ha l’elettrodo marrone ma giallo?

Il posizionamento degli elettrodi non cambia, basta sostituire nella filastrocca la cioccolata con il sole che scalda il cuore ed ecco che al centro, vicino allo sterno metteremo l’elettrodo giallo del nostro holter.

I nostri elettrodi per ecg e holter

Su Ippocrateshop abbiamo disponibili diversi tipi di elettrodi monouso. Gli elettrodi monouso venduti su Ippocrateshop sono dell’azienda ESVI, specializzata nella produzione di elettrodi monouso da molti anni. Potete scegliere fra tre tipi di elettrodi, tutti dotati di gel liquido e con un’ampia superficie di aderenza per garantire la massima stabilità durante l’esame. Tutti gli elttrodi sono venduti in confezioni da 500 pezzi a un prezzo davvero conveniente.

500 elettrodi per ecg pediatrico 36 mm

500 elettrodi per holter cardiaco 42×56 mm

500 elettrodi per ecg sotto sforzo 54 mm

Ecg a 12 derivazioni, ecco perché ha 10 elettrodi

elettrodo ecg monouso

Derivazioni unipolari e bipolari. Ecco perché un ecg a 12 derivazioni ha solo 10 elettrodi e come posizionarli correttamente sul paziente…

Perché un ecg a 12 derivazioni ha 10 elettrodi? Quante volte ti sei posto questa domanda? Beh, credo che molti, almeno una volta, se lo siano chiesto. Certo, sarebbe più logico pensare che un Ecg a 12 derivazioni abbia anche 12 elettrodi, ma non è così.

differenti modi per applicare gli elettrodi ecg
differenti modi per applicare gli elettrodi ecg

Perché non è così?

La risposta è semplice, l’ecg a 12 derivazioni ha 10 elettrodi perché i 6 elettrodi precordiali mostrano le 6 derivazioni unipolari toraciche mentre i 4 elettrodi periferici mostrano le 6 derivazioni degli arti di cui 3 bipolari e 3 unipolari.

Oggi ci sono Ecg portatili interpretativi a 12 derivazioni che mostrano chiaramente non solo come posizionare gli elettrodi, ma anche se aderiscono al meglio. Una bella comodità che risolve una volta per tutte il problema del posizionamento degli elettrodi durante l’elettrocardiogramma.

E’ il caso dell’elettrocardiografo portatile interpretativo a 12 derivazioni ecg90

Al di là della definizione degli elettrodi periferici, ora dobbiamo fare un ulteriore passo avanti: per capire meglio il perché l’ecg a 12 derivazioni ha 10 elettrodi dobbiamo chiarire il significato di derivazioni unipolari e bipolari.

Derivazioni Bipolari

Le derivazioni D1-D2-D3 sono dette bipolari perché 2 elettrodi posti agli angoli del triangolo di Einthoven calcolano la variazione di potenziale. I 2 elettrodi saranno uno positivo ed uno negativo, è semplice quindi intuire che D1 sarà la risultante del potenziale del polo positivo posto sul braccio sinistro e del polo negativo al braccio destro. D2 si otterrà, invece, collegando il polo positivo alla gamba sinistra ed il polo negativo al braccio destro. D3 prende come polo negativo il braccio sinistro e positivo la gamba sinistra.

Se proviamo a rappresentare graficamente le 3 derivazioni bipolari vedremo che formano un triangolo, il famoso triangolo di Einthoven.

rappresentazione grafica del triangolo di einthoven con le derivazioni d1-d2-d3
rappresentazione grafica del triangolo di einthoven con le derivazioni d1-d2-d3

Derivazioni unipolari

Le derivazioni unipolari dell’elettrocardiogramma calcolano invece le variazioni di potenziale e le deflessioni risultanti dall’elettrodo registrante e l’elettrodo indifferente di riferimento.

L’elettrodo indifferente di riferimento non è altro che il terminale centrale di Wilson e cioè lo 0 che si ottiene addizionando le deflessioni dei 3 elettrodi periferici, ed è proprio questo valore che le derivazioni unipolari di Goldberger (aVR-aVL-aVF) e le derivazioni toraciche di Wilson (V1-V2-V3-V4-V5-V6) utilizzano.

Cerchiamo di capire perché l’ecg a 12 derivazioni ha 10 elettrodi in modo pratico, posizionando gli elettrodi al nostro paziente.

Iniziamo con l’applicare i 4 elettrodi periferici:

  • l’elettrodo rosso andrà sul braccio destro
  • l’elettrodo giallo al braccio sinistro
  • l’elettrodo verde alla caviglia sinistra
  • l’elettrodo nero (neutro) alla caviglia destra con la funzione di terra e per la regolazione dell’amplificazione aumentando il segnale/rumore grazie al driven right leg circuit. Lo tesso elettrodo ha anche la funzione di regolare e correggere il potenziale del terminale centrale di Wilson.

In casi particolari nei quali, ad esempio, il paziente abbia subito l’amputazione di un arto, l’elettrodo può essere applicato in un punto del moncone dell’arto o alla sua radice. Questo perché ogni

arto, dal punto di vista elettrico, è un segmento a bassa resistenza per cui il potenziale elettrico è sostanzialmente lo stesso in tutti i suoi punti.

Posizionemento corretto degli elettrodi periferici di un elettrocardiografo
Posizionemento corretto degli elettrodi periferici di un elettrocardiografo
Derivazioni bipolari d1-d2-d3 dell'ecg registrate con biocare ie6
Derivazioni bipolari d1-d2-d3 dell’ecg registrate con biocare ie6

E’ chiaro che D1-D2-D3 rappresentino l’attività elettrica del cuore sul piano frontale creando il triangolo di Einthoven

derivazioni unipolari aVR, aVL ed aVF registrate con elettrocardiografo ie6 Biocare
derivazioni unipolari aVR, aVL ed aVF registrate con elettrocardiografo ie6 Biocare

aVR-aVL-aVF quindi utilizzeranno come elettrodi esplorante R-L-F e come elettrodo indifferente il terminale centrale di Wilson.

Applichiamo i 6 elettrodi precordiali:

  • V1 e V2 vanno posti a livello del margine sternale all’altezza del quarto spazio intercostale (a livello dei capezzoli quindi)
  • V4 va al quinto spazio intercostale spostato a sinistra rispetto a V2 a livello della linea emiclaveare
  • V3 va posizionato dopo V4 perché prende come riferimento proprio quest’ultimo elettrodo e V2 posizionandosi proprio in mezzo a questi ultimi
  • V5 sull’ascellare anteriore
  • V6 sull’ascellare media
corretto posizionamento degli elettrodi precordiali di un ecg con visualizzazione dello sterno e degli spazi intercostali
corretto posizionamento degli elettrodi precordiali di un ecg con visualizzazione dello sterno e degli spazi intercostali

Come è facile intuire, V1-V2-V3-V4-V5-V6 saranno gli elettrodi esploranti e l’elettrodo terminale centrale di Wilson sarà ancora una volta l’elettrodo indifferente.

Le derivazioni da V1 a V6 vedono l’attività cardiaca sul piano orizzontale.

Ecco allora “svelato” perché un ecg a 12 derivazioni ha solo 10 elettrodi. La risposta, come abbiamo visto, sta proprio nelle funzioni dei 6 elettrodi precordiali che mostrano le 6 derivazioni unipolari toraciche e dei 4 elettrodi periferici che, invece, mostrano le 6 derivazioni degli arti.